Informazioni e consigli per i pazienti
a cura del Dr. A.GIAMBERSIO - Specialista in Andrologia

Il varicocele

CLASSIFICAZIONE
Esistono numerose classificazioni del varicocele.
Ne riportiamo le più utilizzate.

La prima è una classificazione clinica: in questo caso il varicocele viene stadiato solo sulla scorta di una visita clinica.

La seconda è una classificazione che si avvale dell'esecuzione di un esame Doppler. Con questa tecnica, come si è già detto, è possibile evidenziare anche i varicoceli sub-clinici, quelli cioè non individuabili all'esame clinico.


CLASSIFICAZIONE CLINICA DEL VARICOCELE (sec. DUBIN)

I GRADO: varicocele palpabile solo con la manovra di Valsalva*.
II GRADO: varicocele palpabile anche senza eseguire il Valsalva*.
III GRADO: varicocele palpabile e visibile.

CLASSIFICAZIONE DOPPLER DEL VARICOCELE (sec. HIRSCH)

I tipo: Assenza di reflusso (non varicocele)
II tipo: Minimo reflusso alla manovra di Valsalva*
III tipo: Assenza di flusso basale e reflusso alla manovra di Valsalva*
IV tipo: Flusso venoso basale con reflusso alla manovra di Valsalva*
V tipo: Flusso venoso basale con assenza di reflusso al Valsalva*

Le risposte di tipo I e II sono da considerarsi reperti normali

*La manovra di Valsalva consiste in una espirazione a glottide chiusa. Praticamente per eseguirla si può, ad esempio, soffiare con forza sulla mano, senza fare uscire aria dalla bocca, spingendo con la pancia. In tal modo aumenta la pressione endoaddominale e si rendono molto più evidenti le varici ed il reflusso venoso cioè il ritorno di sangue verso il testicolo che normalmente non dovrebbe essere presente.


VARICOCELE ED INFERTILITA'

Il varicocele è la causa più frequente di sub-fertilità maschile. I meccanismi mediante i quali tale affezione determina una alterazione della spermatogenesi sono noti solo in parte. E' bene comunque subito chiarire che LA PRESENZA DI UN VARICOCELE NON SIGNIFICA SEMPRE SUB-FERTILITA' perchè molte persone affette da varicocele, anche di grado avanzato, non presentano alcun problema di fertilità. Pertanto quando viene diagnosticato un varicocele, di qualunque grado esso sia, è raccomandabile eseguire un esame del liquido seminale.

Fig.1. Spermatozoo morfologicamente normale


Sebbene non esista un pattern seminologico caratteristico del danno seminale da varicocele, sono stati individuati alcune alterazioni del liquido seminale più frequenti nel varicocele (ad es. spermatozoi "a testa allungata" - tapering forms) (Fig.2).

Fig.2. Spermatozoo "a testa allungata" frequentemente osservabile nei portatori di varicocele

Le altre anomalie   del   liquido seminale   osservabili sono: riduzione del numero degli spermatozoi (oligozoospermia); riduzione della motilità degli spermatozoi (astenozoospermia); aumento di forme con anomalie morfologiche (teratozoospermia) (Fig. 3).

Fig. 3. Spermatozoo "amorfo" più frequentemente osservabile nei portatori di varicocele